30 maggio 2005

yeah yeah yeah yeah (pt I)

grazie ai radicali e al loro uso indiscriminato del mezzo, è dal 1995 che un referendum non raggiunge il quorum. paradossalmente, questa volta, la discesa in campo della chiesa, che ha trasformato i prossimi quattro quesiti in un uno solo (volete uno stato laico o no?), potrebbe cambiare le cose. io ci spero.

7 Comments:

Anonymous catpower said...

io la vedo molto dura. la gente parla a caso. non sa nulla dei referendum. c'è chi crede che votando si poi diventi cieco e cose del genere. ne ho sentite d'ogni e davvero mi sto rendendo conto di vivere in un paese di bigotti. ma la cosa più allucinante è che sono i più giovani i più bigotti...

16:47  
Blogger atroC.T.X.Z.B.tion said...

ma cosa cazzo vuoi sperare?? il mio pendolino dice: se si arriva al 30% c'è solo da leccarsi le palle. ciao. s

18:31  
Anonymous pep said...

potrei sempre organizzare una maratona virtuale per sponsorizzare il si al referendum, ma non sono più quella di una volta che allestiva blitz flower power elettorali così su due piedi.

19:08  
Blogger enzop said...

@ catpauer: non è bigottismo, è semplicemente disinteresse, purtroppo. ai giovani (fascia ampia che va dai 18 ai 35, direi) ogni discorso simile alla politica sa di vecchio e stantio, purtroppo. e questo è uno dei grandi (?) meriti del nano, temo. @ atrocity: oh, non dico di crederci troppo. ma secondo me una vaga speranza c'è, le altre volte manco quella (e spesso a ragione). @ pep: qualunque cosa per questi quattro referendum. qualunque cosa.

20:20  
Blogger LG said...

stavo pensando di farci le magliette,io, tipo: fuori la chiesa da casa mia oppure pussa via, chierico
cmq la mia modestissima opinione è che non arriveremmo al 30% nemmeno se dovessimo votare sulla costituzione europea.

11:20  
Anonymous mina said...

io ho fatto campagna elettorale per il sì con degli amici di bergamo (che sono nel comitato per il si) questo weekend.

la popolazione bergamasca è ampiamente informata dell'esistenza di questo referendum però i grossi problemi sono due:
1)i cattolici
2)i giovani menefreghisti
e sono di pari entità.

noi a bergamo stiamo usando il materiale di propaganda ideato dal collettivo contrazione di bologna (banner audio, adesivi, spillette, canotte e magliette).
dateci un'occhiata
http://www.ecn.org/contrazione/kit_faidate.htm

14:40  
Blogger enzop said...

@ lg (ma sei l'ellegi amico di stefano?): a proposito di costituzione europea, posso dire che i francesi sono incredibilmente informati, visto che lavoro con un paio di francesi? insomma, l'impressione è che sappiano benissimo quello che hanno votato e quindi la vittoria del no non può essere considerata una bocciatura dell'europa, ma un preciso rifiuto di una carta poco convincente. ora uscite per strada e chiedete al primo che incontrate cosa pensa del testo della costituzione europea (ovviamente il giochino non vale se vivete a marsiglia).

@ mina: sull'ingerenza dei cattolici, ho detto. trovo gravissime le parole del papa, riferite comunque ad uno stato estero. non mi pare, sempre per rimanere sulla francia, che il papa e i suoi vescovi si siano permessi di suggerire ai francesi di non votare la costituzione in quanto non riconosce le radici cristiane, solo per fare un esempio (ottimo il kit contrazione!):

15:18  

Posta un commento

<< Home