03 giugno 2005

ma forse ho solo bisogno di vacanze

ultimamente mi capita di leggere recensioni musicali e di incazzarmi pensando ma questo non capisce un cazzo. tre osservazioni: uno, meno male che ho smesso di scrivere recensioni; due, non è che solo perché ascolti un sacco di musica devi per forza improvvisarti critico; tre, sto diventando troppo poco tollerante.

9 Comments:

Anonymous emaufff said...

e poi smetti leggerle anche ...:-)

15:21  
Blogger Antonio said...

E tu pensi di cavartela così, senza fare nomi e cognomi? ;)

20:00  
Anonymous mammara said...

Ecco, volevo scrivere lo stesso commento di Antonio. Portare esempi, please.

22:05  
Blogger Enver said...

qualcuno trema

23:51  
Blogger enzop said...

@ emaufff: massì, già adesso ho riguadagnato tolleranza...

@ antò, gabriè & enricù: penso proprio di cavarmela così, sì sì. anche perché, intendiamoci, è una reazione assolutamente istintiva e io mica sono il padreterno. il discorso di fondo è, semplicemente, troppa gente che si improvvisa critica non avendone esattamente i mezzi: io per primo non li ho, e non a caso ho rinunciato. mi sembra quantomeno più onesto.

02:45  
Blogger Medo said...

devi spaccare tutto bisogna farlo si deve dire che è tutto una merda e la vita fa schifo ed è un ciclo mestruale. viva i corvi i kings e bruno lauzi, vandelli non mi piace, i valentina dorme sono brutti come cesare basile (medo, http://www.alternativo.splinder.com)

03:35  
Anonymous Tom said...

Guarda ieri ho fatto lo stesso pensiero, comprando una nota rivista musicale. si trattava di un giornalista profondamente stimato alle perse con un disco che ho profondamente apprezzato. il mio povero disco lo affonda con una criptica recensione. e lo affonda, come dire, profondamente. sigh... ma tanto ogni mese ci sono degli usual suspects che il sottoscritto si chiede "perchè scrivono?" o, meglio, "perchè scrivono ancora?"

ti ricordo una frase di un noto gruppo italiano (nongliofflagadiscopaxmiracoloinstigiornidisocialismotascabileeverywhere...): "l'ascolto si fa individualmente". profonda saggezza.

08:56  
Blogger enzop said...

@ medo: ehm... bé, se la metti così...

@ tom: hai trovato la perfetta chiosa al mio discorso: l'ascolto si fa individualmente.

17:13  
Anonymous catpower said...

io apprezzo i recensori che il disco se lo comprano.

13:40  

Posta un commento

<< Home