04 luglio 2005

come ai tempi del divorzio

mai, probabilmente, si è verificata una tale contrapposizione all'interno della indieblogpalla italiana. siamo infatti al limite della faida sul tema: ma se mi scrivi dei perturbazione è una gran canzone pop o è porcheria?

io sono per la prima ipotesi.

32 Comments:

Blogger Enver said...

assolutamente. meglio ancora: un gran singolo radio-friendly. Però se passa su Radio Dee*ay faccio una strage, come per lo ye ye

10:03  
Anonymous emaufff said...

anch'io per la prima, ma venerdì eravamo tutti d'accordo :-)

10:08  
Anonymous catpower said...

io penso che il testo, e solo il testo, di se mi scrivi sia la cosa più brutta mai scritta dai perturbazione. mi innervosisce proprio. se volevano essere i lunapop dovevano avvertire prima.

10:30  
Blogger maxcar said...

enver, il video passa su Deejay Tv (non sono sicuro ma credo anche su 102.5 Hit Channel). io la vedo come catpower

11:04  
Blogger Enver said...

allora non funzionava manco lo yeye. Un singolo -tanto più estivo- dev'essere fresco e catchy. e la frase 'ho scambiato un numero con un'illusione' vale da sola il prezzo ipotetico del singolo.
se poi volete/vogliamo dirci che il disco ha ben altri pezzi forti, sono d'accordo.
vado ad armarmi, Max ;) [però digei tivì è satellitare, quanti la guardano? è la radio generalista il problema]

11:10  
Blogger enzop said...

@ enver: ovviamente non sono d'accordo con la tua avversione per il generalismo, ma è roba vecchia... secondo me l'importante è che non sia una canzone creata a tavolino dicendo ok, facciamo una canzone per radio dj, e questo sicuramente non è successo, visto che si tratta di una canzone nata "usa e getta" più di un anno fa.

@ emaufff: sì, almeno venerdì sì!

@ catpauer & max: io invece trovo il testo divertente e strepitosamente (auto)ironico: gli eccessi del cellulare, che ci coinvolgono tutti, purtroppo.

11:17  
Blogger Antonio said...

Assolutamente gioiellino pop.
Se poi riescono a farci un po' di soldi, ben venga, assolutamente (salve, sono uno dei pochi che ancora afferma di amare i Kings of Convenience).

12:52  
Anonymous china said...

a me piace, però piace anche alla mia amica che ascolta solo la Pausini e Ramazzotti. inquietante.
(e anche io continuo ad apprezzare i reucci norvegesi, nonostante ormai siano ovunque. penso che l'unico posto in Italia dove non abbiano suonato sia il cortile di casa mia)

12:58  
Anonymous mammara said...

Gioiellino pop anche per me. La strada verso le porcherie è ancora lunga e spero non abbiano a percorrerla mai.

13:10  
Blogger enzop said...

@ antonio: li amo anche io, senza vergognarmene. l'ormai famoso motto "vendi? venduto!" mi ha stancato da un po'.

@ china: ma non è inquietante! ben venga, anzi, sporcare le orecchie di chi ascolta solo quella roba con qualcosa di accessibile ma comunque sincero.

@ mammara: e sì che lo sapevo che saremmo stati d'accordo, su questo punto.

13:26  
Anonymous china said...

quello che mi inquieta è che la cosa potrebbe funzionare in entrambi i sensi.
se la Pausini facesse un pezzo indie-figo, io come dovrei comportarmi ?

14:25  
Blogger Enver said...

cosa ci deve fregare a noi se i musicisti fanno o non fanno soldi (per Antonyo)

15:44  
Anonymous catpower said...

ci tengo a precisare che assolutamente non ce l'ho con i perturba che amo molto. semplicemente non apprezzo una loro canzone, tutto qui. han fatto un sacco di canzoni, le altre mi piacciono tutte. e tornando a semi scrivi non è la melodia catchy a non piacermi, anzi, ma proprio il testo, il riferimento al cellulare, agli sms, una certa leggerezza alla 883 a cui i perturbazione non mi avevano abituato. la trovo una banalità in un mare di perle. oh.

16:00  
Blogger enzop said...

@ china: dipende dalla canzone, chi se ne frega se è indie o no? ;)
a me non dispiace spiders dei soad, per dire!

@ enver: non ho capito se sei ironico oppure no. spero di no, però.

@ catpauer: e lo so che non ce l'hai con loro. però di canzoni leggere ne hanno sempre fatte e io questa la trovo di una leggerezza assolutamente godibile. poi i gusti son gusti, eh.

16:21  
Blogger Enver said...

io non sono mai ironico. ripeto: che ci frega se un musicista guadagna o no? nel senso: non ho a cuore che facciano i soldi.

17:03  
Blogger enzop said...

ah, ok.

18:30  
Anonymous abgely said...

I perturbazione hanno preso il testimone che solo qualche anno fa era in mano ai Gazosa. SMS è assolutamente all'altezza di www.mipiacitu.

03:46  
Blogger enzop said...

@ abgely: bum! dai, stiamo un po' esagerando...

08:39  
Anonymous catpower said...

concordo con abgely ahahah... il senso della vite era molto meglio... dai poi basta che abbiam già detto un sacco di parole su 'sta canzoncina...

08:58  
Blogger Antonio said...

We hate it when our friends become successful..

09:13  
Blogger Enver said...

Antonyo, io ne faccio una questione antropologica. Ci sono persone cui i Perturba non possono piacere (nè i Bau, nè gli Offlaga, etc ad libitum). E a cui *noi* si vuole che non piacciano. Hard to say

09:55  
Anonymous porcaputtana mi son proprio innamorato di Nek said...

A me piace, ma per motivi di amarcord: il video è stato girato nel loro ex-liceo (lo scientifico Darwin di Rivoli), che per inciso è stato anche il mio.

14:28  
Anonymous benty said...

mi piace semiscrivi, mi piacciono i kings of conv, mi piace pure la canzone citata da Antonio, mi piace che gente bella come i perturba (lo si desume da interviste e da attitudini varie) faccia pure un fracco di soldi. se lo meritano. augh

16:55  
Blogger enzop said...

@ catpauer: direi di sì, s'è già detto abbastanza. e però, rileggendo i commenti, parrebbe che la decisione è presa: se mi scrivi è una gran popsong.

@ antonio: sante parole.

@ enver: non ho alcuna intenzione di rituffarmi in questa discussione assurda, ho già dato. (toh, una mia amica che di solito ascolta mia martini si è innamorata di emiliana torrini e apprezza assai gli offlaga).

@ pippo: e invece il video non mi piace un granché.

@ benty: sante parole, again.

17:50  
Anonymous punch-drunk said...

porc...arrivo che la discussione è già chiusa. pensare che volevo dire che sms è una gran popsong (anche solo per l'incipit, "un numero è ua pura astrazione matematica"), allo stesso modo in cui max gazzè è un grande autore pop (ah, peccato non ci sia in giro delio. volevo il sangue, volevo)

23:56  
Blogger maxcar said...

che ne pensate della cover di Sapore di sale cantata dal cantante dei Perturbazione per il programma di Linus su Radio Deejay?

08:59  
Blogger enzop said...

@ punch-drunk: d'accordo su gazzè. delio ci snobba, ma potrei minacciare ritorsioni...

@ maxcar: se ne parlava qualche giorno fa con colas. io non l'ho ascoltata e non mi esprimo.

09:06  
Anonymous Anonimo said...

ho iniziato una risposta, poi per le dimensioni ho preferito postarla sul mio blog. detto questo, mi premeva sottolineare solo tre cose già qui:
1) non è in alcun modo possibile paragonare la sobrietà, la levità compositiva, la leggerezza dei riferimenti estetici (pensate al video) di misread con 'sta canzonaccia. anzi, 'sta porcheria, per tornare alla domanda iniziale.
2) niente contro chi si vende. però almeno devono vendersi con canzoni belle. sennò torniamo all'epoca del tentativo di sfondamento mainstream di mao. misread, prima del suo botto italiano, l'avevamo tutti ascoltata e amata sin da quando qualcuno (inkiostro?) ne aveva linkato un promo live alla bbc; ascoltata e amata, lo ripeto, senza sapere quello che sarebbe successo. qui invece molti sono già imbarazzati dalla bruttezza della canzone prima ancora che esploda (se mai esploderà, perché a due mesi dalla sua uscita è lecito dubitarne).
3) la pausini non farà mai robe indie, lo sappiamo. ma un esempio di para-indie mainstream c'è già e - volenti o nolenti - è jovanotti. che infatti come tale viene percepito, ballato e trasmesso all'estero. l'ombelico del mondo (e presto, temo, anche l'ultimo singolo) vengono regolarmente mandati nelle serate """"rock"""" - mi è successo di ascoltarla in germania, in francia, e anche la settimana scorsa in slovenia. un po' la mancanza di comprensione del testo (che comunque fa meno schifo del testo di semiscrivi, ammettetelo), un po' il groove giusto (e, anche qui occorre ammetterlo, molto furbetto ma non banale), fatto sta che quel pezzo all'estero spacca nei giri analoghi ai nostri. del resto, che ne sappiamo? magari in francia o in inghilterra i veri indie odiano keren ann o i coral.
(delio)

11:34  
Blogger enzop said...

ma io qui avevo risposto ieri... uff.

09:14  
Anonymous Anonimo said...

l'altra sera al concerto dei perturbazione ho sentito una tipa che a proposito di tommaso ha detto "ma questo canta un po' come quello degli 883, vero?"..e qui il cerchio si chiude! ;-)

09:18  
Blogger enzop said...

e dai, mo' basta con le stronzate.

11:07  
Anonymous Anonimo said...

nessuna stronzata:e' purtroppo tutto vero!

16:20  

Posta un commento

<< Home