05 settembre 2005

what if?

l'altra notte ho sognato di investire berlusconi con la mia panda. nel sogno non mi rendo subito conto di chi sia la vittima. scendo terrorizzato dall'auto, vado a controllare e lo riconosco. è morto. allora mi tranquillizzo, risalgo in auto e scappo via con il sorriso sulle labbra.

tralasciando ogni commento sulla moralità del mio io sognante, adesso mi chiedo: cosa succederebbe nel panorama politico italiano nel caso in cui san silvio uscisse di scena? forza italia avrebbe ancora ragione d'esistere? e se sopravvivesse senza il suo capo carismatico, riuscirebbe a non diventare un partitino da 5%? e rutelli, forse, non romperebbe gli indugi per lasciare finalmente il centrosinistra? e... (seguono altre 1000 questioni almeno)?

4 Comments:

Blogger Enver said...

forza italia non eisste già ora.
i suoi voti si sparpaglierebbero tra dc, demichelis, an e lega.
se l'Unione vince le elezioni Rutelli sarà ministro (argh) e quindi non uscirà. Lo farà poi. E si metterà con tutta quell'accozzaglia di cui sopra, cartello elettorale. e io sarò già nei fiordi del Vatnajokull

12:48  
Blogger Enver said...

vedi, sono l'unico dei tuoi lettori caproni a commentare i tuoi arguti post politici!!!

23:40  
Anonymous Anonimo said...

uccidere berlusconi è già un topos della letteratura italiana contemporanea, potrebbe diventare un topos anche blogghistico.

comunque, nel caso accadesse ci sono parecchi personaggi pronti a raccoglierne l'eredità. il più probabile è marcello pera, ma io ho sognato che potrebbe essere giuliano ferrara in persona.

comunque sia, in caso di vittoria dei falchi forza italia diventerebbe il vero partito neocon italiano, anzi assumerebbe quella carattere di partito che non ha mai avuto perchè la personalità del suo fondatore è troppo ingombrante. vincerebbe la linea di feltri e di oriana fallaci, ma probabilmente fi diventerebbe un partito di medie dimensioni e non potrebbe più esprimere un premier.

se invece vincessero le colombe, lo scettro potrebbe finire in mano a gianni letta. potrebbe nascere il partito unitario con udc e an, una sorta di grande partito teocon ovvero una nuova democrazia cristiana.

se però nel frattempo cambia la legge elettorale, allora le prospettive sono diverse. si forma un partito di centro con rutelli, casini e mastella mentre in forza italia - orfana di san silvio - si verifica una diaspora... [continua] bdd

00:33  
Blogger enzop said...

io punto sulla terza ipotesi. d'altra parte vuoi che non cambi legge elettorale entro la fine della legislatura? anche la seconda è credibile.

detto questo, vero è che questo ce lo togliamo dalle palle soltanto investendolo.

08:30  

Posta un commento

<< Home